Piena

Pubblicato: 19 novembre 2010 in Testi e Poesie

Quel sogno che ancor non vuole infrangersi
Come un fiume lacera i contorni delle pagine
Di un vecchio libro che fa fatica a chiudersi

Cinico e violento, esonda e sfonda l’argine
Che traballante e debole calmava le sue ire
Spostando oltre ogni logica il suo margine

Travolge, copre e strazia l’avvenire
Senza nessuna regola nel delinear confine
Di ciò che è giusto o meno poi inghiottire

Devasta senza limiti di polvere e rovine
Macerie di ricordi e antichi canti, fango
Panorama triste e torbido di un eco senza fine

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...