Monnezza, tra soldoni e veleni

Pubblicato: 29 luglio 2011 in Attualità
Tag:, , , ,
17 milioni di tonnellate di rifiuti in campania. Il rapporto dell’Arpac (agenzia regionale di protezione ambiente) non scopre l’acqua calda, ma neanche sorprende troppo. Quello che davvero fa specie è la superficialità e l’apparente menefreghismo attorno all’effetto nocivo che grava sulla nostra salute!

 

 

Sono sette le aree vaste (così denominate nel rapporto dal direttore dell’Arpac Antonio Episcopo e dalla direttrice tecnica Marinella Vito) individuate nel dossier: Masseria del pozzo a Giugliano; Area Mazzurella, Lo Uttaro e Bortolotto (in provincia di Caserta); Pianura (alle porte di Napoli) e Regi Lagni e Fiume Sarno (aree interprovinciali).

Rifiuti speciali, tossici, industriali; siti di smaltimento stracolmi e inefficienti. Inevitabile che l’aria, il suolo e soprattutto l’aria delle zone interessate siano notevolmente contaminate.

Soldi, affari sporchi e malavita; amministrazioni incapaci e istituzioni colluse, l’ignoranza dei cittadini che non sanno differenziare il vetro dalla plastica. Il lordo che gira intorno alla questione spazzatura in Campania è pieno quasi quanto le nostre discariche.

E quando leggo o sento “Vesuvio pensaci tu” è soltanto l’orgoglio che mi spinge all’indignazione. La ragione infatti, mi direbbe tutt’altro…

 
fonte: il Fatto Quotidiano (http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/07/28/due-milioni-di-metri-quadri-di-monnezza-in-campania-ora-e-disastro-ecologico/148413/comment-page-2/#comment-2251170), di Nello Trocchia
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...