Archivio per la categoria ‘Senza categoria’

Un dolore

Pubblicato: 6 marzo 2011 in Senza categoria

Un dolore non si può cancellare…
Non è un’emozione effimera, come il ricordo di una gioia, un attimo definito, un tempo senza replica. Un dolore perpetua nell’anima con un moto costante, svanisce per tregua o rassegnazione, ma poi torna alla carica.

Un dolore ti chiama, ti cerca, scava con te nel profondo, un dolore respira. Vive come un batterio, una spina invisibile, senza traccia, nè cura per vincerlo. Lascia segni dovunque, sulle mani e negli occhi. Nei sorrisi e nei gesti. Nelle parole che pensi e nei silenzi che esclami. Nell’espressione di un pallido orgoglio stampato sul volto che trema alla luce del sole, nelle dita ghiacciate da una tensione violenta, nella gola arsa da una calma strappata e sconvolta da un’immagine o un suono.

Un dolore è il pensiero…

Annunci

Colla

Pubblicato: 22 ottobre 2010 in Senza categoria

Non riesco a seguire il mio istinto e abbracciare una serenità che mi annoia…
Faccio fatica a definire i contorni di ciò che mi circonda ed a trovare un senso oltre a quello che i fatti non riescono a darmi e le parole non riescono a dirmi…
Sembra un film, un copione banale, una sciocca commedia di basso profilo. Il timore che guida la falsa sapienza è come colla che lega le dita…
Chiudi ancora quegli occhi e credi ancora nei sogni, senza chiedere spazio ad inutili sforzi… 

Tantissimi ricordi ho lasciato per strada. Molti continuano a seguirmi, chi più vicino o chi più lontano. Ad alcuni ho sbattuto in faccia la porta. Lo space di msn racchiudeva tanto della mia vita, dei miei sogni, dei miei fangosi problemi… peccato che un sacco di post fui costretto a cancellarli un pò di tempo fa, ma per fortuna ne conservo i testi…

Talvolta mi trovo a ripercorrere le tracce del mio cammino fin ad ora e questo strumento mi era di grande aiuto. Rileggere certe cose mette quasi la pelle d’oca al pensiero di ciò che mi spingeva a scrivere di quelle emozioni.

Sì, scelgo per questo di continuare, anche qui. Un giorno, mi ritroverò ancora a leggermi in metafore e poesie… 🙂